chi mi ama mi segua

domenica 2 ottobre 2011

Crema Pasticcera

Translate this page

La crema pasticcera e' uno dei fondamenti della pasticceria,aggiungendo o sottraendo ingredienti ne escono fuori,quasi come prolungamenti naturali,altri tipi di creme. La crema pasticcera fa parte integrante della mia infanzia;vi sembrera' strana questa affermazione ma e' proprio cosi'.Mia mamma quando preparava le torte di compleanno metteva me a girare la crema, che andava lenta lenta sulla fiammella del gas e guai se la giravo in senso antiorario,oppure se ,esausta e stufa tentavo di imbrogliarla alzando un po' il gas!Mi sembra che passassero secoli,prima che prendesse consistenza e fosse pronta!Che incubo che era,si puo' dire che la odiavo quasi,ma quando affondavo i denti nel soffice pan di spagna e la crema pasticcera sdrabordava ai lati,bhe' pensavo sempre che,infondo ne era valsa la pena!Che bei ricordi,che meravigliosi compleanni;adesso ho trent'anni e mi tocca prepararla per farcire le torte dei miei figli,ma io non ci provo nemmeno a chiedere ai miei piccoli mostriciattoli di aiutarmi,l'ultima volta gli impasti li ho ritrovati perfino nel lettone!
Adesso vi do' la ricetta!



 Ingredienti:
 -50g di farina
 -4 tuorli d'uovo
 -100g di zucchero
 -1/2 litro di latte intero fresco
 -una mezza scorza di limone non trattato
Procedimento: Mettere in una casseruola il latte con meta' zucchero e la mezza scorza di limone,quindi porre sul fuoco a fiamma bassa e fino al bollore.In una ciotola sbattere i tuorli col l'altra meta' dello zucchero,incorporare la farina e amalgamare il tutto fino ad ottenere un composto liscio.togliere dal fuoco il latte e far raffreddare per qualche minuto,poi incorporare il liquido al composto liscio facendo attenzione a non fare i grumi,eventualmente frullare il tutto.Porre il composto in un recipiente a bagnomaria e cuocere a fuoco lento fino a che' la crema non prendera' consistenza.
La consistenza della crema pasticcera dipende molto dalla quantita' di farina che si utilizza;piu' farina ci mettiamo piu' dura sara' la crema;tutto dipende dall'utilizzo che ne dobbiamo fare.
La mia crema e' una via di mezzo,non troppo liquida ma che tiene la forma,poi mettendola a raffreddare,subitissimo per abbassare la sua carica batterica in acqua fredda a bagnomaria,con pellicola sopra per evitare la crosta,si rapprendera' ulteriormente.Se volete una crema pasticcera bella soda,ma non volete utilizzare troppa farina,inanzitutto sostituite la farina con amido di mais,e quando e' ancora tiepida unitevi un foglio di colla di pesce,cosi',quando andrete a farcire una torta,la crema avra' una consistenza perfetta.
Spero che la mia "Pasticcera" vi sia di aiuto in qualche modo,anche perche' mi vengono in mente mille modi di utilizzarla,anzi mi sa' che tra qualche giorno gia' ho pronta una bella ricetta! Un bacio a tutti gli avventori che vorranno sbirciare!