chi mi ama mi segua

venerdì 4 marzo 2011

Facciamo quattro chiacchiere? Passo, passo mi raccomando........

Amo tanto questi dolci di Carnevale,che qui si chiamano chiacchiere ma che hanno vari altri nomi e si differenziano per l'aggiunta o meno di taluni ingredienti!
Sono degli allegri nastri di pasta impalpabile ricoperti di zucchero velo,che messi li' sembrano delle fantastiche montagne innevate;che van via fuori come niente,io le ho fatte ieri e son tutte finite......
Ecco la mia versione:

Ingredienti
-500g di farina per dolci
-3 cucchiai di zucchero rasi
-25g di strutto(o 50 di burro)
-3 uova grandi
-un pizzico di sale
-un bicchierino di liquore, che potrebbe essere rum,marsala,strega,anice ecc.qui se necessario abbondate un pochino!
-olio per friggere,usate quello che preferite:di oliva ma lo sconsiglio perche' troppo aromatico,di arachidi cosi' il fritto e' piu' leggero o di semi!

Note:
-La regola,nonche' tradizione le vorrebbe fritte nello strutto,e vi assicuro che hanno un sapore eccezionale,un'altra cosa insomma,ma poi potrebbero diventare quasi illegali direi,quindi si potrebbe friggerle cosi' ma poi bisognerebbe mangiarne di meno!
-Per quanto riguarda il liquore per aromatizzarle,fate voi,utilizzate quello che preferite l'importante e' non lesinare e nella qualita' e nella quantita' altrimenti non sanno di granche'.Si potrebbe aggiungere della vaniglia in bacca cosi' si profuma ancora di piu' l'impasto!
-Ancora si potrebbe aggiungere un cucchiaio di cacao amaro per colorarle,o magari dividere l'impasto in due e farne un po' ed un po' e coprire quelle al cacao con rivoli di cioccolato bianco tanto per fare un figurone!

Procedimento:
Impastare farina ,uova,zucchero,strutto(o il burro fuso),abbastanza velocemente,quindi aggiungere in ultimo il liquore ed un pizzico di sale


  formare cosi' un impasto bello sodo ,mettere il tutto sulla spianatoia e lavorarlo per qualche minuto fino a formare una palla


 avvolgerlo con la pellicola e farlo riposare in frigo per una mezz'ora,meglio se un'ora in modo da dare il tempo allo strutto(o burro) di indurirsi all'interno dell'impasto e quindi renderlo sodo e compatto,


 passato tale tempo stendere l'impasto o a mano o ,come ho fatto io ,con la nonna papera che e' piu' facile.
Devono essere finissime e poi dargli la tipica forma delle chiacchiere ossia tagliarle a strischie di varie forme con la rotellina dentellata,ma va bene pure quella normale


 lasciarle riposare qualche minuto e poi vai con il fritto..................



 dovranno formarsi quelle classiche bollicine in superficie,e per questo e' importante l'ingrediente segreto ossia lo strutto che fa sfogliare e gonfiare l'impasto durante la cottura,non che' il processo di riposo dell'impasto che garantisce agli ingredienti di amalgamarsi alla perfezione.


 Dopo essersi raffreddate le chiacchiere potranno ricevere la giusta spolverata di zucchero velo,e qui direi mi raccomando a pioggia..................................




 Altre note:
-Queste delizie friabili potrete abbinarle con una profumatissima crema inglese o con una salsa allo yogurt,anzi io direi con una cioccolata calda fondente,tanto per riscaldarci un po',in questo scorcio d'inverno............
-Il vino ideale,be' un buon passito direi,o un magnifico Mirto di Sardegna